Tag Archives for " google "

google plus

Google divorzia da Google Plus

Dopo anni di battaglie con il rivale Facebook e investimenti miliardari, Google si è definitivamente arresa e ha deciso di divorziare dal suo social network Google Plus, mai realmente decollato come auspicato. Il colosso californiano ha infatti da poco annunciato alla stampa che d’ora in avanti vari servizi, tra cui YouTube e molti altri, non saranno più legati a Google+. Sarà anche più semplice per gli utenti eliminare i propri account Google+ per chi non lo desidera più, visto che non sarà più necessario utilizzarlo per accedere ad altri servizi della compagnia.

“Abbiamo dovuto ripensare a delle scelte”, scrive sul blog dell’azienda Bradley Horowitz, l’ex numero uno di Google+, ora vice presidente dei servizi streaming, foto e condivisione. La compagnia di Cupertino, dopo innumerevoli tentativi per far decollare il progetto, aveva giocato la sua ultima carta, legando l’utilizzo di alcuni dei suoi servizi più importanti, come Gmail e Youtube, all’iscrizione degli utenti sulla piattaforma Google+. Purtroppo l’idea di legare i servizi costringendo gli utenti all’iscrizione “forzata” ha generato solamente malumore ed una miriade di profili vuoti e mai utilizzati. Il social network, amato per lo più dagli operatori di web marketing e di tecnologia in generale, non è mai riuscito a decollare soprattutto perchè non se n’è mai colta la vera essenza. Ora sappiamo per bocca di un importante esponente del progetto, che nei prossimi mesi le cose cambieranno e un account Google sarà “l’unica cosa di cui si avrà bisogno” per usare i prodotti Google, senza bisogno di utilizzare per forza anche la piattaforma Google Plus.

In tempi non troppo lontani era già stato fatto un primo passo scindendo la piattaforma Google Foto da Plus, mentre la prossima piattaforma a “slegarsi” definitivamente dal social network di Google, sarà proprio Youtube. Inizialmente verrà disabilitato il legamene dei commenti ai video con i profili Plus, e successivamente si passerà anche ad altre funzioni. Attenzione però che il passaggio sarà progressivo e non immediato, per tanto disabilitare ora l’account Google+ significherebbe cancellare anche quello di Youtube. Ad ogni modo promettono dalla compagnia che questa non sarà la fine di Google+, ma solo una diversa politica commerciale per far coesistere i vari servizi senza però legarli troppo tra di loro, e Google+ continuerà ad essere sviluppato come piattaforma in cui gli utenti che lo desiderano possono incontrarsi e condividere interessi comuni.

 

[share title=”Share this Post” facebook=”true” twitter=”true” google_plus=”true” linkedin=”true” email=”true”]
sito mobile ready

L’importanza di avere un sito mobile friendly

In questi giorni si parla tanto di MobileGeddon, Google e di quanto sia importante avere un sito mobile friendly. Quante volte ti sarà capitato di consultare un sito web quando dal tuo smartphone, trovando un’interfaccia strana e difficile da visualizzare se non con scomode e ripetute zoomare? Bene da oggi tutti questi siti saranno penalizzati dalle ricerche di Google sui dispositivi mobile, in favore di siti ottimizzati per la fruizione anche su piccoli schermi, come quelli appunto dei nostri smartphone. Da quando Google ha deciso di modificare il suo algoritmo di ricerca premiando tutti i siti mobile friendly, è partita la corsa all’aggiornamento dei siti web per adeguarsi alle caratteristiche richieste dall’azienda di Mountain View. Una corsa necessaria per non perdere preziose posizioni nei risultati di ricerca e ancora meglio per puntare ad arrivare in prima pagina su Google. Una corsa che però per alcuni potrebbe essere un po disperata, in quanto purtroppo non tutti hanno ben chiaro cosa significhi avere un sito mobile friendly.

siti mobile ready

Ma cosa significa avere un sito mobile friendly?

Un sito mobile friendly si distingue dagli altri perchè si adatta a tutti i dispositivi mobile come smartphone e tablet. Un vantaggio non indifferente considerato che ormai oggi più del 50% del traffico delle ricerche online proviene da dispositivi mobile. Google infatti non ha fatto altro che adeguarsi a questo trend, sancendo di fatto quella che è una vera e propria rivoluzione, che come tale non va combattuta ma semplicemente sfruttata a proprio vantaggio. Un sito mobile friendly infatti sfrutta la capacità del responsive design per allargare o rimpicciolire testi, foto ed elementi vari presenti su una pagina web, migliorandone la user experience e rendendolo di fatto più fruibile per l’utente che lo sta visitando. Se non sei ancora sicuro che il tuo sito risponda a queste caratteristiche puoi semplicemente effettuare il test di compatibilità di Google per i dispositivi mobile. Se sei certo che il tuo sito rispecchia queste caratteristiche puoi dormire sonni tranquilli, ma se così non fosse puoi sempre modificare il tuo sito web per risolvere il problema.

Come realizzare un sito mobile friendly.

Ok se sei arrivato fin qui vuol dire che hai bisogno di un po di lavoro per aggiornare il tuo sito e renderlo più fruibile per gli utenti dei dispositivi mobile. Per prima cosa bisogna dovresti capire con che tecnologia è realizzato il tuo sito web. Se fosse programmato in linguaggio html per esempio andrebbe riprogrammato manualmente, ma probabilmente sarebbe più semplice migrare verso altri lidi, come Joomla o WordPress per esempio. Se invece il tuo sito web è già realizzato con una di queste tecnologie, esistono vari plugins che permettono con un po di impegno di adeguare i contenuti ai dispositivi mobile. Se utilizzi WordPress per esempio puoi provare con WpTouch, uno dei più popolari plugin utilizzato da quasi mezzo milione di utenti. Se invece pensi che il compito sia troppo arduo o semplicemente preferisci metterti nelle mani di un esperto,  un’altra soluzione può essere quella di rivolgerti ad un professionista di web design che offra questo tipo di servizio. Bene ora che sai tutto sui siti per tablet e smartphone potrai aggiornare più facilmente il tuo, rendendolo un vero e proprio sito mobile friendly.

[share title=”Share this Post” facebook=”true” twitter=”true” google_plus=”true” linkedin=”true” email=”true”]